GEOFLUIDI

La gestione ottimale, in termini di produttività e sostenibilità, dei serbatoi naturali di geofluidi (acque minerali ed idrotermali, fluidi geotermici, oil & gas) richiede un approccio integrato e multidisciplinare, particolarmente accurato per reservoir in rocce sedimentarie fratturate e fagliate, a causa della loro ben nota eterogeneità e complessità petrofisica.
Questi ultimi aspetti generano spesso grandi incertezze nei modelli di serbatoio che sono destinati a prevedere lo stoccaggio e il flusso dei fluidi. Le caratteristiche critiche di deformazione che controllano i modelli di flusso all’interno di questo tipo di serbatoi stratificati e che ne rendono difficile la comprensione sono: anisotropia di permeabilità imposta da faglie ad alto angolo e da stratificazione; spessori e stili delle zone di faglia; densità e orientamento delle fratture subsismiche diffuse.
Geomore propone una procedura multidisciplinare integrata per caratterizzare e modellare i serbatoi naturali in rocce sedimentarie fratturate.